You are here: Home La Psicoanalisi La psicoanalisi n. 11

La Psicoanalisi - Studi Internazionali del Campo Freudiano

la psicoanalisi
La psicoanalisi n. 11

La psicoanalisi n. 11

Considerazioni sull’io

n. 11 – gennaio-giugno 1992

JACQUES LACAN....................Considerazione sull’io
JUDITH MILLER.......................Lacan, oggi
ROSA ELENA MANZETTI.......Abitare l’immagine
ALFREDO ZENONI...................Psicoanalisi versus evoluzionismo
ANTONIO DI CIACCIA............L’io tra soggetto e oggetto
JEAN DE MUNCK.....................Paradigma ermeneutico e paradigma sintattico
MARIO BAUDINO....................Lacan e la poesia
SERGIO GIVONE......................“Mantenersi nell’aperto”
JACQUES-ALAIN MILLER.....Dalla natura dei sembianti
SERGE COTTET........................Lacan e l’avvenire di Freud
ERIC LAURENT........................Due sbocchi ai due silenzi dell’inconscio freudiano

E articoli di: DANIÈLE SILVESTRE, PAOLA ANTONIOTTI, GIAN PAOLO CAPRETTINI, JOAN SALINAS-ROSÉS, ENRICO PASCAL, ANTONELLA RAMASSOTTO, GABRIELE LODARI, GUY TROBAS, COLETTE SOLER, VIRGINIO BAIO, MIQUEL BASSOLS, LUIS SOLANO, ALFREDO ZENONI, PIERRE-GILLES GUEGUEN, CHIARA MANGIAROTTI

 

Estratto dalla Nota editoriale

“Considerazione sull’io” è il testo di una conferenza di Lacan letta in inglese alla British Psycho- Analytical Society il 2 maggio 1951. Esso riprende con alcune varianti la terza parte del “Discorso sulla causalità psichica”, del 1946, pubblicato nel 1966 negli Scritti.

Il tema dell’io è centrale in Lacan.

Come l’io si costituisce? Lacan forgia lo stadio dello specchio per rendere conto del rapporto tra il bambino e la sua immagine, che, pur essendo la sua, è anche quella di un altro.

Di che è costituito questo io? 
Lungi dal fare dell’io l’elemento unificante e unificato, Lacan rivela che l’io non è che un’accozzaglia di identificazioni immaginarie. E nel termine di imago Lacan sintetizza le sue due componenti essenziali: un’immagine sensibile e un insieme ai tratti organizzati.

Ma la sola imago non rende ragione né della costituzione dell’io né di ciò che lo costituisce. Solo attraverso la disgiunzione del simbolico e dell’immaginario è possibile a Lacan stabilire una disgiunzione correlativa tra la funzione simbolica dell’io e la funzione immaginaria dell’io.
Questa disgiunzione è centrale nel Seminario II dal titolo L’io nella teoria di Freud e nella tecnica della psicoanalisi, recentemente pubblicato in traduzione italiana da Einaudi.

Ma in che consiste questo simbolico?
Il simbolico non è il simbolo, che rinvia all’immagine come accade nell’archetipo junghiano. Il simbolico è costituito da due versanti: quello della parola e quello del linguaggio. Questi due versanti sono presenti nell’insegnamento di Lacan, scandendone la temporalità.

In un primo tempo Lacan privilegia il simbolico della parola.
È la parola piena che il soggetto cerca in analisi, è la parola che lo pacifica ed è tramite la parola che vuol essere riconosciuto come desiderante.

In un secondo tempo Lacan privilegia il simbolico del linguaggio. 
Si tratta dell’ordine simbolico, che è un insieme diacritico di elementi discreti. Il simbolico inteso così è una struttura articolata, combinatoria e autonoma. 
Qui il soggetto non è costituente, ma costituito. 
E il suo desiderio non vuol essere riconosciuto, ma interpretato.

Nel corso del suo insegnamento Lacan sposta l’accento dal primo versante al secondo, sebbene li articoli nel concetto di catena significante.

È nella catena significante che l’io, pur stabilendo rapporti con il proprio simile, ritrova la verità del suo discorso nell’Altro, che non è solo l’Altro della parola, ma è anche l’Altro del linguaggio. 
L’Altro, di cui l’inconscio è il discorso.

Antonio Di Ciaccia

COMPRA ONLINE

Per acquistare

La vendita della rivista è gestita dalla casa editrice. Per agevolarvi nell'acquisto abbiamo creato, quando possibile, un link che vi porterà al sito delle case editrici. Per informazioni potete sempre rivolgervi alla sede della redazione presso l'Istituto freudiano, via Palestro, 30 - 00185 Roma