You are here: Home Einaudi Il seminario. Libro VI. Il desiderio e la sua interpretazione

La Psicoanalisi - Studi Internazionali del Campo Freudiano

la psicoanalisi
Il seminario. Libro VI. Il desiderio e la sua interpretazione

Il seminario. Libro VI. Il desiderio e la sua interpretazione

Editore: Einaudi

Jacques Lacan

Il seminario. Libro VI. Il desiderio e la sua interpretazione (1958-1959)

Testo stabilito da Jacques-Alain Miller

Edizione italiana a cura di Antonio Di Ciaccia

Einaudi, 2016.

Il desiderio e la sua interpretazione è il titolo che Lacan diede al suo seminario nel 1958-59. Da allora ‘desiderio’ è diventato un termine sempre più familiare, in un certo senso rimpiazzando i termini classici della psicoanalisi, come libido e pulsione.

Che cos’è una psicoanalisi? È leggere, ossia interpretare, nel sintomo causa di sofferenza, il messaggio occulto che vi ha depositato il desiderio inconscio. Questo desiderio non coincide affatto con quello che si vuole o si crede di volere. Molte volte le analisi iniziano proprio quando il soggetto si rende conto che c’è una scissione tra il suo volere cosciente e il suo desiderio inconscio.

In questo Seminario Lacan mostra perché questa scissione attraversi Amleto, diviso tra il voler rispondere all’ingiunzione paterna di vendicarlo e l’impossibilità di farlo. Il suo desiderio inconscio gli ferma la mano quando si avvicina a colui che – anche se omicida e usurpatore – occupa un posto nodale che la psicoanalisi non aveva ancora messo a fuoco.

È quello che Lacan precisa in questo Seminario. Egli completa così la triade del complesso edipico con un quarto personaggio che è l’incarnazione dell’oggetto del desiderio della madre. Nell’Edipo il punto focale è il desiderio per la madre. Nell’Amleto è il desiderio della madre. Ma il soggetto saprà realizzare il proprio desiderio inconscio solo dopo la sua rivelazione.

Il titolo di questo Seminario potrebbe pertanto essere riassunto così: Il desiderio è la sua interpretazione.

Antonio Di Ciaccia

Per acquistare

La vendita della rivista è gestita dalla casa editrice. Per agevolarvi nell'acquisto abbiamo creato, quando possibile, un link che vi porterà al sito delle case editrici. Per informazioni potete sempre rivolgervi alla sede della redazione presso l'Istituto freudiano, via Palestro, 30 - 00185 Roma